.
Annunci online

CipollePresbiti
Il BLOG DI ELI
11 luglio 2010
Cubetti di ghiaccio

Fa troppo caldo per pensare e anche per scrivere al computer.
Mi limito a qualche appunto, sul quale poi spero di tornare con un pò di frescura nei prossimi giorni.

1. Il mondo aveva proprio bisogno di ricordare a se stesso quanto fosse irrazionale una parte del cervello umano. Non solo mettono nella vasca di sto polpo Paul le teche con le bandiere nazionali e il polpo, sedendosi sopra, vaticina il risultato delle partite -ovviamente il tutto è corredato di cibo appetibile al polpo, che sennò perchè dovrebbe andare a sedersi su una teca di plastica?- ma ora ci sono anche gli imitatori, concretizzabili in altri polpi, ma anche panda, orsetti e altre meraviglie del creato. Tutti a cercare di sapere prima cosa accadrà dopo, che è in fondo una spinta irrazionale che l'essere umano ha sempre coltivato. Niente di male, eh? La cosa è filosofica, e sulle cose filosofiche è quasi sempre inutile discutere.

2. L'europa non è più centro del mondo, da qualche anno ormai. Ho sentito al seminario PD sull'italia e il mondo di qualche giorno fa, l'interessante tesi secondo la quale Barack Obama, primo presidente della consapevolezza dell'era globalizzata, si è proprio girato con lo sguardo verso il pacifico, e se fai il giro di là l'europa è l'ultima parte del mondo che vedi.
Questa considerazione, però, non credo voglia significare di per sè che tutta la crisi -finanziaria, di mantenimento del welfare, eccetera- la debbano pagare quelli che hanno di meno. No, direi che non c'è alcun motivo che accada così, visto che in tutti gli anni precedenti le ricchezze in europa si sono pure realizzate, ma non sono state adeguatamente distribuite, specie negli ultimi anni.

3. Sono stata, naturalmente, a sentirmi Bersani alla Festa dell'Unità di Roma. Due ore filate del Bersani pensiero, condotte da Mario Orfeo che dirige il TG2. Pubblico un pò aggressivo col giornalista -il problema non sono le domande, essù. Anzi: BEN vengano. Il problema sò quelli che alle domande non vogliono rispondere, e noi in genere rispondiamo, quindi perchè prendersela con Orfeo?

4. Perchè il cardinale Bertone partecipa alle cene "politiche" con Silvio e Pierferdy? E lo capisco che pure la chiesa di roma sta preoccupata, ma che altro intende fare oltre che partecipare alle cene? E' consapevole, la curia, della responsabilità che si è presa quando optò per il centro destra in cambio di un pò di sovvenzioni? Ma la chiesa di roma fa sempre lo stesso errore politico da un pò di anni a sta parte?

5. Ieri sera faceva caldo pure a Marino, dove abbiamo mangiato. Figuriamoci a Roma.

 

    


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. polpo paul bersani bertone obama

permalink | inviato da _Eli_ il 11/7/2010 alle 18:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
25 giugno 2010
In questo paese

In questo paese una volta si trasmetteva il processo di Biscardi.
Oggi si nomina un ministro per non mandare in onda il processo di Brancher.

In questo paese si nomina ministro Brancher -un ministero inventato-, e il Ministero dell'economia appella una sentenza con la quale si riconosceva il diritto alla pensione di guerra (la guerra del 1945) di una signora -oggi novantenne e costretta a rivolgersi ad un avvocato per non farsi togliere pochi euro su una pensione da pochi euro- che ha subito uno stupro da parte delle truppe alleate: è su queste persone che Tremonti, evidentemente, calcola il disavanzo (vittime di guerra ancora in vita e portatori di handicap).
(Udienza pubblica di questa mattina che mi dovevo limitare a verbalizzare in silenzio, mentre avrei voluto urlare: ma che cazzo di paese è questo che si accanisce su una donna violentata durante la guerra).

In questo paese si fanno i titoli grandissimi sui giornali e sui tg se Lippi perde le partite, e si commenta e si commenta, ma del post-terremoto dell'Aquila si parla pochissimo. E chi ne parla è "comunista".

In questo paese il Presidente del Consiglio decide il nome dei figli dei ministri, ma nessuno sa con esattezza quanti classi di tempo pieno ha abolito la mamma-ministra.

Nella città capitale di questo paese ci sono condomini delle case popolari dove può mancare la luce per le scale anche per molte settimane: però il presidente della società per azioni pubblica EUR decide di illuminare a giorno il palazzo dei congressi. così, per fare spettacolo. Lui -il presidente dell'EUR spa- è un famoso industriale dell'illuminotecnica.

In questo paese l'amministratore delegato della più grande industria privata italiana viene mostrato come benefattore mentre insulta gli operai, e il ministro della funzione pubblica viene premiato nei consensi mentre insulta i dipendenti pubblici -compresi medici e poliziotti.

In questo paese la televisione pubblica non ci fa perdere neanche un momento e una inquadratura di "miss italia nel mondo".

Mah. Vabbè.   




permalink | inviato da _Eli_ il 25/6/2010 alle 18:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
24 maggio 2010
Sulle intercettazioni

Sulle intercettazioni.
Testo alternativo -per giocare e sdrammatizzare un argomento molto serio (che sennò poi uno si suicida se è sempre troppo serio).

Art. 1
Sono vietate le intercettazioni telefoniche, ammesse le intercettazioni dei segnali di fumo. Il divieto è esteso all'intero territorio nazionale, isole comprese, in assenza di vento e altri fenomeni meteorologici disturbanti la ricezione.

Art. 2
Per gli effetti di cui all'art.1, il governo è delegato ad emanare, con tutta calma, i decreti attuativi ai sensi della legge 400/98, il cui scopo sarà quello di eliminare dal commercio le candele mangiafumo.

Art. 3
L'autorità giudiziaria potrà avvalersi per le indagini delle intercettazioni delle cartoline illustrate, ma solo se spedite da località amene di villeggiatura e previo decreto attuativo del ministero del turismo di concerto con il ministro delle telecomunicazioni, da emanarsi nei termini di cui ai decreti dell'articolo 2 (cioè: con tutta calma)

Art. 4
L'autorità giudiziaria, solo nei casi previsti da una legge che sarà emanata quando possibile, potrà chiedere l'autorizzazione delle intercettazioni dei telegrammi. In ogni caso i telegrammi dovranno essere quelli spediti dagli uffici postali autorizzati alla intercettazione dei telegrammi.

Art. 5
Prima di ogni intercettazione, l'autorità giudiziaria emanerà apposita ordinanza di "avviso garantista di futura intercettazione". Tale avviso verrà notificato in bollo - con nota spese a carico dell'autorità giudiziaria procedente- all'interessato almeno 20 giorni prima dell'inizio delle intercettazioni. Qualora l'autorità procedente abbia forti sospetti di consumazione di reati mafiosi, i termini a garanzia dell'intercettato si raddoppiano.

Art. 6
Un collegio di tre magistrati di cassazione e 5 parlamentari scelti dal presidente del Consiglio vaglierà, con cadenza trimestrale, le richieste di intercettazione citofonica. Di tali conversazioni al citofono non potrà farsi menzione nei verbali di condominio, se non nei casi previsti dal prossimo articolo.

Art. 7
E' vietato pubblicare anche a puntate e in forma di fascicolo periodico ogni intercettazione citofonica, a meno che l'intercettato non stia commettendo uno dei reati per cui è prevista la pena da 30 anni all'ergastolo.

Art. 8
In casi eccezionali e solo previo parere dei sindaci competenti per territorio, sentita la conferenza stato-regioni e i presidenti provinciali, sarà possibile intercettare le chiacchiere in spiaggia fra ombrelloni limitrofi.

Art. 9
Per tutto quanto non previsto dalla presente legge, si applica il codice di Hammurabi nell'ultima versione pubblicata senza note esplicative. Per il sistema sanzionatorio si farà espresso riferimento alla "legge del taglione".

Art. 10
La presente legge, munita dei sigilli dello stato, è già entrata in vigore e non ve ne siete accorti. Viene sospeso il principio del favor rei, dell'irretroattività della legge penale, civile e amministrativa, nonchè la nota massima del tempus regit actum. Spetta a chiunque osservarla e farla osservare. Amen.         


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ddl intercettazioni

permalink | inviato da _Eli_ il 24/5/2010 alle 19:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (45) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE